Sciogliere i nodi, con passione

L'azienda di Marie-Louise Schmidlin del Chapter USTRA si chiama CoachingWerk. Con passione essa aiuta i superiori e i suoi team a superare gli ostacoli. Deve i suoi successi anche a BNI.

Foto: Anita Troller

Uno degli strumenti preferiti di Marie-Louise Schmidlin è un gomitolo aggrovigliato. Nelle presentazioni brevi nel Chapter USTRA Marie-Louise mostra spesso come riesce a districare il gomitolo. Ed è proprio questo che fa anche con team in cui la collaborazione tra i membri è bloccata o che semplicemente non parlano più la stessa lingua. Grazie al lavoro dell'esperta team & organisation coacher i superiori riescono ad eliminare gli ostacoli che bloccano i loro team e conseguentemente a migliorare in misura evidente l'efficienza della collaborazione. «A volte la situazione è tuttavia talmente esasperata che sono costretta a consigliare di avviare delle separazioni», racconta Marie-Louise Schmidlin. «È estremamente importante non aver paura dei messaggi spiacevoli, perché un team che funziona bene è molto importante per un ogni azienda.»

Ricco bagaglio di esperienza

Marie-Louise Schmidlin può vantare una carriera notevole. Ha fatto esperienza nel reparto di Management Development di un gruppo internazionale e lavorato in posizioni di responsabilità sia a livello nazionale che internazionale. In qualità di team & organisation coacher ha guidato tra l'altro impegnativi progetti nell'amministrazione federale e in svariate rinomate imprese. Alcuni anni fa ha fondato CoachinWerk e da allora lavora in modo completamente autonomo.

Per il successo ci vuole pazienza

È in BNI dal 2011. È un buon esempio che il «sistema BNI» funzione, ma non sempre da subito. «Per anni non sono riuscita a trarre vantaggio dalle referenze», racconta. Ogni tanto ha ricevuto qualche piccola commessa grazie a una referenza, ma gli investimenti nella rete di imprenditorie per molto tempo non sono valsi la pena. Ma a un certo punto ha sfondato. Ha fondato un power-team con i partner BNI Michael Zwicky, Chapter ULME e Sandro Pisaneschi, Chapter ZÜRIAMSEE. In tre si può fare di più. Così Siemens Svizzera SA ha affidato al trio l'outplacement dei collaboratori licenziati. Come lo hanno affrontato si può leggere su Outplacement-Zuerich.ch. Da allora il power-team aiuta le persone licenziate a rientrare sul mercato del lavoro, anche in presenza di presupporti negativi. «Questa è una commessa che solo per me significa diverse decine di migliaia di franchi. Senza BNI e i miei partner del power-team una commessa del genere non sarebbe stata possibile», afferma Marie-Louise Schmidlin tracciando soddisfatta un bilancio intermedio.

Focalizzare grazie a BNI

Come trae vantaggio ancora da BNI? «In BNI ho imparato a puntualizzare la mia professione con poche frasi. All'inizio della mia adesione ho notato che le colleghe e i colleghi non capivano veramente quale fosse la mia attività. Ho dovuto imparare a sintetizzare e finalizzare. E adesso mi riesce bene!» Secondo Marie-Louise Schmidlin, questa abilità la aiuta anche per altri aspetti della sua vita professionale. Ora infatti è in grado di spiegare ai clienti in poche parole quali sono le sue capacità.

Marie-Louise Schmidlin, con il suo modo di lavorare professionale, empatico ma anche molto aperto e rispettoso, scioglie qualsiasi nodo. Questo funziona anche senza BNI. Ma grazie a BNI questo le riesce un po' meglio.

Marie-Louise Schmidlin, Team di imprenditori USTRA/Uster, www.coachingwerk.ch