Ecco perché BNI funziona per Willy

Willy Wiedmer, comproprietario e direttore dell'azienda di traslochi W. Wiedmer AG di Fällanden, è membro del team di imprenditori di USTRA da quattro anni e mezzo. In questo periodo grazie a BNI ha realizzato un fatturato di un milione di franchi. Willy descrivi per BNI funziona.

Da decenni la nostra azienda punta sulla qualità. Noi miglioriamo costantemente per essere un passo avanti rispetto alla concorrenza. Puntiamo ad esempio sulla qualità delle condizioni di lavoro, su strumenti moderni, su salari interessanti e sul costante perfezionamento dei nostri dipendenti. In questo modo riusciamo a trovare, assumere e conservare collaboratori migliori. I collaboratori qualificati ci consentono di offrire un servizio più perfetto alla clientela. Noi tentiamo di essere i migliori, anche da prima che io entrassi in BNI. Raccoglievamo successi già molto tempo prima di BNI. BNI non può essere l'ultima speranza prima della chiusura di un'azienda. L'insegnamento: le aziende valide hanno successo con o senza BNI. Ma BNI può contribuire in misura notevole a trasformare un'azienda media in un'azienda di successo. BNI può contribuire a realizzare un notevole aumento di fatturato. Tuttavia a volte ci vuole pazienza.

Grande serietà

Occorre attenersi a determinati criteri. Ogni referenza, anche la più piccola, va eseguita con grande serietà. Il «grande» affare va meritato e molto spesso analizzato a fondo. Chi in BNI cerca il successo immediato, ha sbagliato destinazione! Ci sono spesso membri che lasciano BNI già dopo un anno con la motivazione che l'adesione non serva a nulla. Ma osservando cosa ha apportato questo membro BNI, si scopre che non c'è stato nessun arricchimento! Questo è il problema. La ricerca solo del proprio successo in BNI non funziona. Io partecipo in BNI senza accampare diritti. Forse proprio per questo vengo «viziato» con referenze dal mio Chapter e anche dagli altri. Sono nate delle buone relazioni che vanno al di là della sfera professionale. Purtroppo ci sono settori specifici e gruppi target ai quali non ho accesso. Ci sono anche colleghi e amici per i quali in quattro anni non ho potuto rilasciare referenze, sebbene lo farei senza alcun pensiero. Ma per contro, per altri, le cose funzionano tanto meglio.

L’atteggiamento giusto

Chi dà, riceve! Questa impostazione è molto importante. Il partecipante al programma di marketing BNI deve poter sentire. Deve capire come può aiutare l'altro membro. Cosa sa fare, qual è il suo punto forte? Posso raccomandare questo membro senza ombra di dubbio? Mi rivolgerei io stesso a questo collega? Come svolge la sua carica nel Chapter? È affidabile e puntuale? È un minimalista o è innovativo e fa progredire il Chapter? Se tutto è positivo, mi concentro sulle occasioni per raccomandare questo membro. Sono contento di ogni referenza che riesco a consegnare. È interessante quello che BNI riesce a generare. Va al di là dell'aspetto puramente monetario, in particolare in un Chapter così fantastico come USTRA! BNI è divertente!

Willy Wiedmer, Team di imprenditori USTRA/Uster, www.wiedmer.ch